Escort Ungherese evade 5 milioni di euro

Stiamo parlando di una bellissima ragazza ungherese di 35 anni con sede a Riccione che è scappata all’estero assieme a tutti i soldi i prezzi delle sue prestazioni arrivavano anche a superare i 5.000 euro per un solo weekend riuscendo a guadagnare anche 10.000 euro in una sola settimana.

Secondo gli accertamenti della Guardia di Finanza i fatti sarebbero accaduti fra il 2010 ed il 2014 arrivando a mettere da parte oltre 5 milioni di euro che logicamente non sono stati dichiarati.

i controlli incrociati si sono protratti per ben due anni attraverso lo studio dei conti bancari della ragazza, il Sostituto Procuratore Gengarelli ha dichiarato concluse le indagini con il relativo rinvio a giudizio per la ragazza consegnato al legale della stessa.

Sembrerebbe che i fondi siano stati trasferiti in un primo momento a San Marino per poi arrivare a Montecarlo ed infine a Dubai, almeno da come ricostruito dalla stessa Finanza.

I vari trasferimenti sarebbero stati possibili grazie ad un complice bancario ma per il 47 di Riccione la Procura ha chiesto l’archiviazione per il reato di riciclaggio in concorso perché all’epoca dei fatti San Marino risultava essere fra i paesi a fiscalità privilegiata quindi non erano necessari i controlli anti riciclaggio alla clientela.

Oltre questo c’è anche da dire che la escort conosceva personaggi molto importanti ed era ben voluta e protetta da loro, l’agenda della ragazza era piena zeppa di personaggi molto facoltosi, imprenditori, calciatori, politici, manager ed anche rappresentanti delle forze dell’ordine.

Tutti personaggi che apprezzavano la vera bellezza e che potevano permettersi di sborsare migliaia di euro per godersi la sua compagnia, in determinati giorni i guadagni arrivavano anche a 10.000 euro, cifre astronomiche che hanno permesso alla donna di avere un picco di quasi tre milioni di guadagno soltanto nel 2010.

Il bello di tutta la faccenda è che è stata la stessa ragazza ad attirare su di se le attenzioni del fisco in quanto, durante un processo a suo carico riguardo una presunta rapina di un centinaio di euro ad un cliente la stessa escort si difese presentando l’estratto conto bancario a sei zeri e dichiarando testuali parole:

“Non ho assolutamente bisogno dei soldi di quest’uomo visto che sul mio conto bancario ho oltre ottocentomila euro”.

Dopo quella dichiarazione partirono tutti i controlli da parte della Guardia di Finanza e pian piano si iniziò a scoprire il vaso di Pandora.

Comunque il fatto di aver fatto vedere l’estratto conto non gli evitò la condanna ad un anno e cinque mesi per quella presunta rapina, l’uomo aveva preteso un rimborso di 100 euro per il disturbo visto che è venuto al corrente che la escort prendeva 500 soltanto per spogliarsi soltanto sulla soglia del suo appartamento.

L’uomo aveva giudicato estremamente eccessiva la richiesta non sapendo che la ragazza arrivava anche a chiedere oltre 5.000 euro per accompagnare uomini durante il fine settimana.

Trovare una escort è un gioco da ragazzi soprattutto online, esistono moltissimi portali professionali che offrono annunci di escort e accompagnatrici le quali possono essere ingaggiate con qualche centinaia di euro, i portali più utilizzati in Italia sono:

e tanti altri … a voi la scelta 😉